L'inverno è ancora nel pieno del suo rigore, ma già il tepore primaverile fa capolino di tanto in tanto a ricordare che il gelo non è per sempre!

Pagine

sabato 26 febbraio 2011

Chiffon Cake


Voglia di dolce!!! un dolce che possa diventare un super dolce ma che sia buono anche così com'è.... lo Chiffon Cake è una delle torte americane più famose e di successo garantito! Risulta di esecuzione facilissima e di consistenza molto morbida. Spesso viene farcito con creme varie, anche a più strati. La sua pasta così morbida e per niente asciutta consente anche di evitare la bagna, e costituisce un'ottima alternativa al consueto pan di spagna.
Provatelo, perchè merita davvero un assaggio. A me piace anche nella versione più semplice, con una spolverata di zucchero a velo o con un velo di marmellata.
La dose che vi propongo è dimezzata. Per una semplice prova, la dose intera mi sembrava troppa!!!
Per la riuscita di questo dolce è fondamentale usare uno stampo a ciambella che NON deve essere imburrato. Una volta cotto, il dolce va sospeso a testa in giù, appeso ad una bottiglia o a un supporto adeguato. Se si possiede il famoso stampo americano il discorso diventa molto più semplice: basta capovolgerlo sugli appositi piedini.
Una volta che lo Chiffon Cake si sarà raffreddato andrà staccato con l'aiuto di una spatola di plastica... l'effetto un po' 'strapazzato' è inevitabile. Buonissssssiiiiimooooo!!!!


Ingredienti per dose intera:

285gr di farina 00
300gr di zucchero
6 uova grandi (in tutto si devono avere 120gr di albumi)
195gr di acqua
120gr di olio di semi
1 bustina di lievito
8gr di cremor tartaro
pizzico di sale
buccia grattugiata di un limone
aroma vaniglia

Ingredienti per metà dose:

150gr di farina 00
150gr di zucchero
3 uova grandi (ho aggiunto anche due o tre albumi che avevo in frigo)
95gr di acqua (ho usato succo d'arancia e un po' di cointreau)
60gr di olio di semi
1/2 bustina di lievito
4gr di cremor tartaro
pizzico di sale, buccia di limone (o arancia in questo caso) grattugiata, aroma vaniglia.

In una terrina riunire tutti gli ingredienti tranne gli albumi e lasciarli da parte mentre si lavorano a neve gli albumi con un pizzico di sale e il cremor tartaro.
Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale. Quando sono a metà aggiungere il cremor tartaro e continuare a montare a neve fermissima.
A questo punto mescolare gli ingredienti lasciati da parte nella terrina.
Incorporare gli albumi girando dal basso verso l'alto.
Versare il composto nella tortiera SENZA averla imburrata nè spolverizzata di farina e infornare a 160° all'incirca per 50min, poi a 170° per altri 10min. I tempi vanno ridotti per la torta con metà dose.
 Dopo circa 20min di cottura si era gonfiata così.

Una volta cotta la torta capovolgerla appendendola ad un sostegno finchè non sia ben raffreddata.
Una volta raffreddata staccarla dallo stampo con l'aiuto di una paletta di plastica. L'effetto sarà un po' 'stropicciato'.....
Ecco la prova morbidezza.... schiacciata con le dita rientra subito in forma!!
Spolverizzare con zucchero a velo o farcire a piacere....
L'ho cotta un po' troppo.... mi sono dimenticata di ridurre un po' i tempi di cottura visto che avevo usato metà dose...ma la fetta è comunque di una morbidezza incredibile!!!

11 commenti:

  1. Ciao Claudia mai vista questa ricetta grazie, molto originale, sembra proprio morbideissimo, provero' intanto prendo nota, bacioni rosa a presto buona domenica:)

    RispondiElimina
  2. Ciao Cla,
    perdona il ritardo ...
    ...sai che proprio x domani ho acquistato gli ingredienti della torta? Volevo preparare la torta Paradiso, ma già che ci sono provo la tua...anche perchè la sua morbidezza mi fa da calamita...solo che non ho il cremor tartaro...dici che ne comprometto la buona riuscita?

    Un abbraccio!

    Maddy

    RispondiElimina
  3. è un dolce buonissimo...bravissima!!
    ciao
    Enza

    RispondiElimina
  4. Aggiornamento/torta:
    l'ho fatta, e...
    ...per poco non piangevo x quant'è soffice e squisita...anche Mario ti ringrazia !!!!!!!!!!
    E pensa che ho dovuto, x forza di cose, apportare 2 varianti:
    1) Ho omesso d'aggiungere il cremor tartaro (non ne avevo);
    2) Ho sostituito l'olio di semi con l'olio evo (stesso motivo), con un pò d'apprensione perchè mi sembrava d'aver commesso 1 errore grossolano...

    ...MACCHE'! E' STATA UNA SCOPERTA !!!!!
    E' BUONISSIMA, LA STRACONSIGLIO A
    TUTTI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE !!!!!!!!!!!!!

    Maddy!

    RispondiElimina
  5. Visto che pare sia tanto buona mi sa che la provo anche io!!!!Grazie
    Ciao a presto Gina

    RispondiElimina
  6. rifugio da tutti7 marzo 2011 18:05

    ciao come state? noi bene ... affrontiamo con un pò di stress questi tre giorni di festa ... ma resistiamo.
    le tue ricette sono favolose. grazie
    a presto

    RispondiElimina
  7. Ciao Claudia, quando hai tempo passa da me, c'e' un piccolo pensierino!
    Un abbraccio...
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Ciao Claudia, ti ho appena conosciuta e il tuo blog mi piace così tanto che mi sono già iscritta.
    Questo dolce sembra davvero buono. Lo proverò nel pomeriggio.
    Anche io ho un blog creato da poco e mi piacerebbe che tu lo visitassi per avere tuoi consigli.
    Ti aspetto

    RispondiElimina
  9. Ragazze, sto uscendo dall'ennesima botta di influenza!!! Incredibile!!! speriamo che quest'anno io me la cavo.....
    Un bacione a tutte!!!
    cla.

    RispondiElimina
  10. Bacione curativo, angelo !!!!
    Buona convalescenza...
    ...mi manchi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Maddy

    RispondiElimina
  11. Sapessi da quanto tempo sto dicendo che voglio provare questo dolce! Ma il cremor tartaro va in aggiunta al lievito? Pensavo che lo sostituisse... Comunque vedrai che prima o poi mi ci cimento anch'io, nella "chiffon cake impresa"! :-D Buonissima giornata!

    RispondiElimina

Ti potrebbero anche interessare ...

Related Posts with Thumbnails